BuOn Impresa https://buonimpresa.com AI, Chatbot, Assistenti Virtuali, Webinar Mon, 28 Sep 2020 07:23:45 +0000 it-IT hourly 1 PMI e MICROIMPRESE: PARROT l’assistente virtuale https://buonimpresa.com/microimprese-assistente-virtuale/ Thu, 17 Sep 2020 13:00:23 +0000 https://buonimpresa.com/?p=398   Quando si parla di Intelligenza Artificiale, definizione per molti altisonante e dai costi inaccessibili, si pensa sempre (o quasi) che sia solo ed unicamente ad uso e consumo delle grandi Imprese. Questo spesso, vale anche per l’Assistente Virtuale. Nulla di più sbagliato ! Oggi c’è PARROT! Una piattaforma conversazionale basata su tecnologie di Intelligenza […]

L'articolo PMI e MICROIMPRESE: PARROT l’assistente virtuale proviene da BuOn Impresa.

]]>

 

Quando si parla di Intelligenza Artificiale, definizione per molti altisonante e dai costi inaccessibili, si pensa sempre (o quasi) che sia solo ed unicamente ad uso e consumo delle grandi Imprese. Questo spesso, vale anche per l’Assistente Virtuale. Nulla di più sbagliato !

Oggi c’è PARROT! Una piattaforma conversazionale basata su tecnologie di Intelligenza Artificiale, creata specificatamente anche per le Microimprese.

PARROT non è un semplice BOT ma al contrario, è un vero e proprio assistente virtuale in grado di fornire informazioni, consigli e suggerimenti su prodotti e servizi della microimpresa. Anche di raccogliere ed organizzare prenotazioni/appuntamenti.

PARROT è una innovativa soluzione che, con un investimento assolutamente accessibile e modulabile per le microimprese, è stata pensata non solo per aiutare il cliente finale con risposte chiare e precise ma anche per supportare l’attività della tua microimpresa arrivando a DIMINUIRE I COSTI di supporto alla clientela (customer support) aumentando così l’immagine e la reputazione sul mercato.

PARROT è un sistema ottimizzato per diverse categoria di microimprese, e altre saranno inserite a breve.

Per ciascun settore, è stata creata una DEMO con una “base di conoscenza” (knowledge base) standard, dalla quale si partirà per arrivare a personalizzare l’assistente virtuale sulla base delle esigenze (domande e risposte) di ciascuna microimpresa.

Per vedere le DEMO > https://bit.ly/3iAupSF

Per capire cosa può fare PARROT > https://bit.ly/3iGn0kQ

L'articolo PMI e MICROIMPRESE: PARROT l’assistente virtuale proviene da BuOn Impresa.

]]>
PARROT: le DEMO degli assistenti virtuali https://buonimpresa.com/parrot-demo-assistentivirtuali/ Thu, 17 Sep 2020 08:01:05 +0000 https://buonimpresa.com/?p=420 E’ giunto il momento di vedere alcune DEMO di Assistenti Virtuali PARROT creati per specifici settori commerciali di PMI e Microimprese. Clicca sull’immagine > scarica il PDF (oppure lo consulti direttamente online) > al suo interno, oltre a leggere tutte le informazioni di approfondimento, potrai accedere alle tre tipologie di Assistente Virtuale Parrot proposte (Testuale, […]

L'articolo PARROT: le DEMO degli assistenti virtuali proviene da BuOn Impresa.

]]>
E’ giunto il momento di vedere alcune DEMO di Assistenti Virtuali PARROT creati per specifici settori commerciali di PMI e Microimprese.

Clicca sull’immagine > scarica il PDF (oppure lo consulti direttamente online) > al suo interno, oltre a leggere tutte le informazioni di approfondimento, potrai accedere alle tre tipologie di Assistente Virtuale Parrot proposte (Testuale, Vocale, 3D)

 

 

 

 

L'articolo PARROT: le DEMO degli assistenti virtuali proviene da BuOn Impresa.

]]>
WEBINAR, CONGRESSI E FIERE ONLINE, EVENTI IN STREAMING https://buonimpresa.com/webinar-congressi-e-fiere-online-eventi-in-streaming/ Wed, 16 Sep 2020 13:07:00 +0000 https://buonimpresa.com/?p=466 Il “lockdown” italiano del Febbraio/Aprile 2019 ha lasciato un segno indelebile anche nelle Imprese perché, dovendo capire e studiare come continuare a “fare mercato” rispettando vincoli di movimento e operatività che impedivano quasi totalmente le relazioni interpersonali, hanno (finalmente!!!) scoperto che esistono anche strategie e strumenti in grado di garantire una “relazione d’affari” in ogni […]

L'articolo WEBINAR, CONGRESSI E FIERE ONLINE, EVENTI IN STREAMING proviene da BuOn Impresa.

]]>
Il “lockdown” italiano del Febbraio/Aprile 2019 ha lasciato un segno indelebile anche nelle Imprese perché, dovendo capire e studiare come continuare a “fare mercato” rispettando vincoli di movimento e operatività che impedivano quasi totalmente le relazioni interpersonali, hanno (finalmente!!!) scoperto che esistono anche strategie e strumenti in grado di garantire una “relazione d’affari” in ogni momento, in ogni luogo, con qualsiasi interlocutore (o interlocutori) d’interesse e soprattutto, SENZA MAI FERMARE LA PROPRIA ATTIVITA’ COMMERCIALE e non solo.

Oggi quindi, possiamo dire che le imprese italiane hanno scoperto l’esistenza del WEBINAR e con esso, la possibilità di poter organizzare Eventi online e in streaming di qualsiasi tipo, dimensione e contenuto.

 

BuOn Impresa nel rispetto della propria “missione” d’agenzia non si è fatta trovare impreparata andando per questo, a lavorare sulla creazione di un servizio completo e altamente professionale fatto di:

  • Organizzazione di Webinar professionali
  • Organizzazione di Congressi e Fiere Online
  • Organizzazione di Eventi in Streaming
  • Corsi di formazione online e in azienda
  • Consulenze

Per garantire ai propri clienti il livello più elevato oggi presente sul mercato, BuOn Impresa sta intraprendendo una diretta collaborazione con quella che oggi è la realtà più importante in Italia nel settore specifico, il cui nome sarà comunicato e ufficializzato quanto prima … “si dice il peccato, ma non il peccatore” 

Per informazioni e appuntamenti (preferibilmente online e dove possibile, anche di persona):

servizi@buonimpresa.com

L'articolo WEBINAR, CONGRESSI E FIERE ONLINE, EVENTI IN STREAMING proviene da BuOn Impresa.

]]>
Convergent Marketing© Sportivo: il processo operativo per conoscere gusti, comportamenti ed esigenze della FANBASE di un Brand Sportivo. https://buonimpresa.com/convergent-marketing-fanbase/ Thu, 26 Sep 2019 20:22:14 +0000 https://buonimpresa.com/?p=365 Non c’è alcun dubbio che un maggior coinvolgimento nell’attività di un Brand Sportivo (società, atleta, evento) da parte del Fan, sia “cosa buona e giusta”. Così come non c’è alcun dubbio, sulla necessità di assumere un modello di marketing innovativo, introducendo il “marketing relazionale” all’interno del quale, diventa (sempre più) strategica la figura del Supporter […]

L'articolo Convergent Marketing© Sportivo: il processo operativo per conoscere gusti, comportamenti ed esigenze della FANBASE di un Brand Sportivo. proviene da BuOn Impresa.

]]>
Non c’è alcun dubbio che un maggior coinvolgimento nell’attività di un Brand Sportivo (società, atleta, evento) da parte del Fan, sia “cosa buona e giusta”.

Così come non c’è alcun dubbio, sulla necessità di assumere un modello di marketing innovativo, introducendo il “marketing relazionale” all’interno del quale, diventa (sempre più) strategica la figura del Supporter Liaison Officier (SLO).

In tutto questo però, aggiungo, diventa sempre più strategico e, sotto molti aspetti, anche vitale per aumentare il valore di ogni brand sportivo, la capacità non solo di coinvolgere, ma anche di tracciare un profilo (identikit) attendibile ed accurato del singolo tifoso.

Il brand sportivo, deve avere necessariamente un approccio DATA-DRIVEN cercando per questo di individuare le caratteristiche comportamentali del proprio tifoso.

convergent marketing nello sport
convergent marketing nello sport

Come fare? La risposta è una sola: CONVERGENT MARKETING© SPORTIVO!

Il Convergent Marketing© Sportivo è un processo operativo in grado di acquisire DATI sia offline che online, attraverso l’integrazione e interazione dei tre principali e più potenti canali oggi presenti sul mercato: MOBILE, SOCIAL e INTELLIGENZA ARTIFICIALE.

Mobile, perché il tifoso (consumatore) spesso è influenzato dall’utilizzo che quotidianamente fa dello strumento (device) da cui non si separa (quasi) mai: lo smartphone.

Social, perché il tifoso (consumatore) è perennemente connesso alla rete e sommerso da una serie di input che gli arrivano da Social Network

L’intelligenza artificiale, perché il tifoso (consumatore) sempre più interagisce con ChatBot e/o Assistenti Virtuali evoluti direttamente dal suo smartphone, tramite i Social Media, perché desidera risposte in tempi brevi e in ogni momento del giorno … quando vuole lui!

L’approccio data-driven del Convergent Marketing© Sportivo come indicato sopra, avviene sia off-line (mezzi di comunicazione tradizionale), che online, potendo sfruttare così tutti i “punti di contatto” (touch point) possibili con il tifoso, anche (e soprattutto) quando non è presente all’interno del luogo dell’evento sportivo (stadio, palazzetto ecc.).

Il processo operativo del Convergent Marketing© Sportivo, e della piattaforma tecnologica che lo comanda, si può integrare con il lavoro prezioso e importante delle Sport Platform digitali per la gestione di operazioni di fan engagement e loyalty dentro e fuori dalle location dell’evento. 

Grazie al Convergent Marketing© Sportivo, il brand può fare sentire la sua presenza ovunque, in ogni luogo e in ogni momento, andando così a creare tutte le condizioni ideali per acquisire continuamente il necessario “flusso di dati”, prezioso per la comprensione di: gusti, comportamenti e reali intenzioni di acquisto del singolo tifoso. Insomma, una vera e propria manna di dati per gli sponsor e i partner!

In conclusione, con il processo operativo del Convergent Marketing© Sportivo e la piattaforma tecnologica a supporto, si porta il brand sportivo ad un “livello superiore” e, grazie ad una comunicazione “one to one”, si arriva a conoscere nei dettagli comportamentali il singolo tifoso … veramente “tanta roba” !!!

 

Ferdinando Vighi
direzione strategica
Bu.On. Impresa

L'articolo Convergent Marketing© Sportivo: il processo operativo per conoscere gusti, comportamenti ed esigenze della FANBASE di un Brand Sportivo. proviene da BuOn Impresa.

]]>
Acquisire i CLIENTI GIUSTI con il ©Convergent Marketing https://buonimpresa.com/clienti-giusti-convergent-marketing/ Mon, 15 Jul 2019 06:58:09 +0000 https://buonimpresa.com/?p=346 “Sto costruendo una ottima Fan Base. Ad oggi oltre 100.000 persone in costante aumento” “Mi serve aumentare il numero di follower per la mia attività. Ci sono miei concorrenti che hanno più di 50.000 follower. Io devo essere come loro” “Si, sono su Internet e sono contento. Il sito ha una media di 3.000 visitatori […]

L'articolo Acquisire i CLIENTI GIUSTI con il ©Convergent Marketing proviene da BuOn Impresa.

]]>
“Sto costruendo una ottima Fan Base. Ad oggi oltre 100.000 persone in costante aumento”

“Mi serve aumentare il numero di follower per la mia attività. Ci sono miei concorrenti che hanno più di 50.000 follower. Io devo essere come loro”

“Si, sono su Internet e sono contento. Il sito ha una media di 3.000 visitatori unici al mese, su FB ho una pagina con quasi 10.000 “mi piace” e su Instagram in pochi mesi siamo arrivati a superare i 5.000 follower. Certo si può fare di meglio però, piano piano, stiamo crescendo”.

Non so voi come la pensate, ma per me questi tre esempi non sono certo sinonimo di “idee chiare” sul come valorizzare e sviluppare la propria attività, la propria impresa o il proprio brand (anche) nel digitale, su Internet.

Perché dico questo? Lo spiego con queste domande:

  • Siamo certi che queste quantità (100.000 – 50.000 – 5.000 ecc.) di persone siano reali (non bot) e soprattutto, che siano veramente interessate alle nostre proposte e quindi, a diventare nostri clienti?
  • Cosa conosciamo di questi “follower” e di questi “mi piace” ? Conosciamo chi sono, i loro gusti, i loro comportamenti e soprattutto, le loro reali esigenze nei confronti delle nostre proposte commerciali?
  • 100.000 o 1.000 ?

Voglio essere chiaro e diretto:

io preferisco capire quali sono i miei clienti giusti e per questo, preferisco lavorare su persone reali, numeri certi e soprattutto, sulla creazione di relazioni durature di reciproco interesse. Per me è meglio 1.000 e non 100.000.

A questo punto, potrebbe arrivare questa tua domanda:

Come faccio a capire quali sono i clienti giusti per la mia Impresa?

Prima di tutto, ti tranquillizzo informandoti che con la tecnologia e gli strumenti che abbiamo oggi a disposizione, questo è possibile per ogni tipo di Impresa e di mercato.

Ora è venuto il momento di ragionare sul come arrivare a capire quali sono i tuoi clienti giusti. Partiamo!

MOBILE: il canale

La Navigazione su Internet e la fruizione dei Social avvengono ormai quasi esclusivamente da Mobile. Questo è un dato di fatto che le statistiche ufficiale non fanno altro che confermare (in aumento) ogni volta che escono.

I dispositivi mobile sono quindi i “punti di contatto” principali attraverso i quali la tua Impresa deve connettersi, comunicare e relazionarsi con i pubblici di riferimento. Con il tuo mercato.

Oggi lo smartphone, può essere considerato come una vera e propria estensione della nostra identità e per questo, è un canale inesauribile di dati e informazioni.

Tutta la tua attività di marketing e comunicazione, digitale e tradizionale, deve essere quindi pianificata per poter interagire con il mercato, con le persone di tuo interesse, attraverso i dispositivi mobile.

 

SOCIAL: il luogo di relazione, coinvolgimento ed attrazione

I Social Media, sono oggi lo specchio fedele delle reali abitudini delle persone e per questo, canali importanti per creare relazioni, emozioni e coinvolgimento del pubblico di riferimento.

I social il luogo dove le persone trascorrono la maggior parte del loro tempo, condividendo pareri, desideri, stati d’animo, opinioni ed emozioni.

I social sono oggi una fonte preziosa ed inesauribile di dati e informazioni a cui nessuna Impresa deve (dovrebbe) e può rinunciare.

I social vengono fruiti nella quasi totalità dei casi, da Mobile. La tua comunicazione sui social quindi, deve essere pianificata per una ottima fruizione da Mobile.

 

INTELLIGENZA ARTIFICIALE: la potenza

Non ti spaventare quando senti questo termine di “Intelligenza Artificiale” (in questo caso applicata alle attività di marketing e comunicazione), perché non ti si vuole obbligare ad acquistare nessun tipo di Robot J

Oggi l’Intelligenza Artificiale, e magari non ce ne siamo ancora resi conto, è entrata a far parte della nostra quotidianità attraverso Chat e Live Chat in genere, e non solo

Mai sentito parlare di ChatBot? Di Assistenti Virtuali evoluti?

Oggi ad esempio, l’Intelligenza Artificiale ti permette di presidiare canali diretti (sito) e canali social (FB Messenger, Telegram ecc.) per conversare con le persone (il tuo mercato d’interesse) attraverso la capacità d’intepretare correttamente il linguaggio naturale delle persone stesse.

Con un ChatBot o Assistente Virtuale ad esempio, puoi interagire 365gg all’anno e in ogni momento con il tuo mercato, arrivando ad acquisire un prezioso e cospicuo flusso di dati e informazioni da cui capire tante cose sui clienti o potenziali.

Un ChatBot o Assistente Virtuale supportato da una adeguata tecnologia di Intelligenza Artificiale, è in grado di gestire contemporaneamente un numero tale di conversazioni impossibile per ogni umano a meno che, tu non sia in grado di poterti permette un numero importanti di assistenti telefoniche … con relativi costi.

IL FLUSSO DATI: il tuo oro. Il tuo vero valore commerciale

Sempre più spesso a ragione, esperti e non solo, affermano che per presidiare bene e competere con successo sul proprio mercato, è necessario acquisire un flusso continuo di dati ed interpretarli in modo corretto e predittivo.

Se ci hai fatto caso nei tre punti di cui sopra (Mobile, Social, Intelligenza Artificiale), io ho sempre evidenziato la loro preziosa peculiarità che li accomuna, che li porta ad essere sempre più importanti e preziosi per qualsiasi attività di marketing e comunicazione. Per qualsiasi Impresa. Anche la tua. Questa comune peculiarità è proprio la loro capacità di saper produrre un flusso continuo di dati dal mercato di riferimento.

Insomma, siamo giunti al momento più importante. Al momento che spero, ti possa far capire cosa fare per poter acquisire un flusso continuo di dati in grado di farti capire quali sono i tuoi clienti giusti e di conseguenza, quando poter proporre a loro il messaggio giusto, al momento giusto e con la proposta giusta.

Il processo operativo che ti suggerisco di acquisire e gestire (o farti gestire da esperti certificati), è il … 


©CONVERGENT MARKETING: la soluzione definitiva

E’ un modello operativo che prevede l’interconnessione tra contenuti creati per Mobile e distribuiti in ottica multicanale per poter offrire all’utente (tuo clienti o potenziale) un’esperienza di contatto personalizzata ed interattiva, senza soluzione di continuità.

Per arrivare a questo, il ©Convergent Marketing integra e fa comunicare tra loro il MOBILE, i SOCIAL e l’INTELLIGENZA ARTIFICIALE arrivando per questo a produrre un flusso continuo di dati che viene analizzato attraverso un sistema avanzato di tracking, lead scoring e profiling. 

Tutto questo, grazie ad una piattaforma “all in one” unica nel suo genere sul mercato per caratteristiche e specificità.

Una piattaforma grazie alla quale ti sarà possibile gestire in un unico luogo le attività che ti ho descritto in questo articolo, garantendo coerenza ed efficienza.

E’ arrivata l’era della Convergenza Digitale tra MOBILE, SOCIALE e INTELLIGENZA ARTIFICIALE. Ora finalmente, puoi capire quali sono i clienti giusti per te, lavorando solo per loro in modo continuativo e duraturo.

 

Ferdinando Vighi
Direzione BuOn Impresa
Partner Certificato
©Convergent Marketing
direzione@buonimpresa.com

L'articolo Acquisire i CLIENTI GIUSTI con il ©Convergent Marketing proviene da BuOn Impresa.

]]>
CONVERGENT MARKETING & SPORT https://buonimpresa.com/convergent-marketing-sport/ Fri, 12 Apr 2019 06:47:42 +0000 https://buonimpresa.com/?p=289 Come aumentare il valore commerciale di un brand sportivo con strategie integrate mobile, social e intelligenza artificiale applicata al marketing L’aumento del valore commerciale (non solo) di ogni brand sportivo, è direttamente proporzionale alla sua capacità di comprendere in modo attendibile gusti, comportamenti e reali esigenze dei propri tifosi e appassionati. L’avere milioni di followers […]

L'articolo CONVERGENT MARKETING & SPORT proviene da BuOn Impresa.

]]>
Come aumentare il valore commerciale di un brand sportivo con strategie integrate mobile, social e intelligenza artificiale applicata al marketing

convergent marketing, sport, mobile, social, intelligenza artificiale

L’aumento del valore commerciale (non solo) di ogni brand sportivo, è direttamente proporzionale alla sua capacità di comprendere in modo attendibile gusti, comportamenti e reali esigenze dei propri tifosi e appassionati.

L’avere milioni di followers anche molto attivi (like, commenti ecc.) è, si importante a livello mediatico però, se si vuole avere una “carta” molto potente da giocare con gli sponsor e partner a livello commerciale, è oggi indispensabile arrivare a capire che cosa effettivamente questi “seguaci” (togliendo i bot) desiderano, vogliono e sperano di ricevere dal brand stesso.

Domanda:  siamo certi che, rispetto ad un determinato brand (sponsor, partner ecc.), 1 milione di followers a livello commerciale siano più utili di 100.000 ? Personalmente non ne sarei molto sicuro anzi, per nulla!

Per arrivare a capire gusti, comportamenti e reali esigenze è necessario che il brand sportivo metta in atto un processo operativo di “Convergent Marketing” ovverosia, far comunicare tra loro: Mobile, Social e Intelligenza Artificiale.

Due semplici esempi, non a titolo esaustivo, per capire cosa intendo dire:

Esempio 1:
All’interno del palazzetto il brand sportivo mette a disposizione dei tifosi un “wi-fi spot” gratuito per collegarsi alla rete. Grazie a questo, il brand sportivo può interagire con i tifosi erogando loro contenuti utili e coinvolgenti (da sponsor, partner e dal brand stesso) da fruire direttamente sullo smartphone. Contenuti, quali: StoryTelling, Video Verticali, Podcast, Coupon, Survey, Challange, ecc.  … tutti rigorosamente 100% mobile friendly.

Il tifoso se stimolato a dovere, inizia ad interagire con il brand attraverso specifiche azioni (call to action) richieste dal brand stesso.

Tra queste azioni a disposizione del tifoso, ad esempio, c’è anche la possibilità di dialogare con il ChatBot o con l’Assistente Virtuale evoluto messogli a disposizione del brand sportivo.

Esempio 2:
Il brand sportivo pianifica e pubblica i suoi post quotidiani sui social d’interesse. I contenuti vengono cliccati dai tifosi per un ulteriore approfondimento. Il click sul post, porta il tifoso a fruire sul proprio smartphone (statisticamente i social sono sempre più seguiti da mobile) contenuti Video Verticali, StoryTelling con possibilità di sfogliarli come un libro, Visual Podcast, ChatBot (Assistente Virtuale evoluto) Survey (questionari), Promotion, Challange e tanto altro ancora.

Ogni contenuto prodotto, permette al tifoso di fare specifiche azioni preventivamente pianificate dal brand sportivo.

Si tratta di due esempi che, seppur banali, dimostrano:

1) quanto sia importante per il brand sportivo creare le condizioni ideali per produrre, controllare ed interpretare correttamente un FLUSSO CONTINUO DI DATI provenienti dai tifosi e appassionati, grazie ai quali poter comprendere i loro GUSTI, COMPORTAMENTI e REALI INTENZIONI DI ACQUISTO.

2) quanto sia fondamentale far comunicare ed interagire tra loro tre “mondi”, quali: MOBILE, SOCIAL e INTELLIGENZA ARTIFICIALE (ChatBot, Assistente Virtuale ecc.). Tre mondi che seguendo le quotidiane abitudini delle persone (tifosi) permettono di creare il prezioso “Flusso” di Dati che non deve MAI mancare all’interno di una strategie di valorizzazione commerciale di ogni tipo di brand sportivo (team, evento, atleta ecc.)

Seconda domanda: è meglio proporsi ad uno sponsor o partner che sia con numeri quantitativi (il milione di followers, per intenderci)? Oppure, con numeri qualitativi (1 milione di followers dei quali: 20% a cui piace il prodotto Y – 25% appassionati di X ecc. ecc.) ? Io di dubbi non ne avrei.

Concludo, con la ferma convinzione che i tifosi debbano necessariamente essere compresi in quello che effettivamente vogliono a livello commerciale perché, è bene ricordarlo, sono persone e come tali mai uguali uno all’altro.

 

Ferdinando Vighi
Linkedin

 

L'articolo CONVERGENT MARKETING & SPORT proviene da BuOn Impresa.

]]>
WORKBOT. La trasformazione digitale delle aziende e dei loro processi di gestione https://buonimpresa.com/workbot/ Wed, 06 Mar 2019 11:35:05 +0000 https://buonimpresa.com/?p=275 E’ assolutamente vero che l’Intelligenza Artificiale è destinata farci cambiare il modo di fare marketing e comunicazione e soprattutto, “finalmente” aggiungo io, ci porterà a poter (dover) sfruttare quella “montagna” di flussi informativi (dati) che fino ad oggi purtroppo, non abbiamo mai sfruttato per capire gusti, comportamenti e reali esigenze delle persone che rappresentano il […]

L'articolo WORKBOT. La trasformazione digitale delle aziende e dei loro processi di gestione proviene da BuOn Impresa.

]]>
workbot, intelligenza artificiale

E’ assolutamente vero che l’Intelligenza Artificiale è destinata farci cambiare il modo di fare marketing e comunicazione e soprattutto, “finalmente” aggiungo io, ci porterà a poter (dover) sfruttare quella “montagna” di flussi informativi (dati) che fino ad oggi purtroppo, non abbiamo mai sfruttato per capire gusti, comportamenti e reali esigenze delle persone che rappresentano il nostro mercato di riferimento.

E’ però altrettanto vero e allo stesso tempo fondamentale, capire che un sistema combinato di tecnologie di Intelligenza Artificiale è anche in grado d’interfacciarsi ed integrarsi al meglio con i processi produttivi interni delle aziende.

In questo caso, si parla di WORKBOT (Corporate Bot).

Il Workbot, che è la naturale evoluzione del ChatBot, grazie alle tecniche di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) è in grado di comprendere le richieste che l’utente effettua (sia scritte che parlate) e di svolgere le azioni in maniera autonoma permettendo per questo ad esempio, di effettuare operazioni di controllo e supervisione delle attività aziendali, di ottimizzare e potenziare il business e la qualità delle relazioni.

Il Workbot rappresenta la vera trasformazione digitale delle aziende e dei loro processi interni di gestione.

Gli ambiti di applicazione della tecnologia “Workbot” sono veramente diversi e tutti da analizzare con maggiore approfondimento. Alcuni di questi ambiti, sono:
Bancario, Alberghiero, Healthcare, Logistica, Sales Management, Risorse Umane, Amministrazione, Studi Legali, Studi commercialistici, Pubblica amministrazione ecc.

workbot, corporate bot

Interfacciarsi con un assistente dotato di intelligenza artificiale significa avere libero accesso ad ogni informazione interna all’azienda e riuscire a prendere decisioni migliori.

Nei prossimi articoli, cercherò di analizzare e approfondire ognuno di questi ambiti di applicazione del Workbot sperando di poter trasferire al meglio l’importanza di applicazione di questa tecnologia in ambito aziendale.

In chiusura, è d’obbligo uno … Stay Tuned! 🙂

Ferdinando Vighi
buonimpresa.com
direzione@buonimpresa.com

L'articolo WORKBOT. La trasformazione digitale delle aziende e dei loro processi di gestione proviene da BuOn Impresa.

]]>
Mobile, Social e Intelligenza Artificiale. Le nuove regole del marketing https://buonimpresa.com/mobile-social-ai-digitalmarketing/ Tue, 19 Feb 2019 10:06:24 +0000 https://buonimpresa.com/?p=264 Oggi, e sarà sempre più evidente nell’immediato futuro, il successo imprenditoriale e commerciale di ogni Brand, di ogni settore (B2B – B2C) e dimensione, viene misurato dalle sue capacità di interagire con gli utenti (mercato – pubblico di riferimento – clienti – prospect) in modo tale da poterne comprendere: gusti, comportamenti e reali loro esigenze. […]

L'articolo Mobile, Social e Intelligenza Artificiale. Le nuove regole del marketing proviene da BuOn Impresa.

]]>
Convergent Marketing - Mobile,Social,Intelligenza Artificiale

Oggi, e sarà sempre più evidente nell’immediato futuro, il successo imprenditoriale e commerciale di ogni Brand, di ogni settore (B2B – B2C) e dimensione, viene misurato dalle sue capacità di interagire con gli utenti (mercato – pubblico di riferimento – clienti – prospect) in modo tale da poterne comprendere: gusti, comportamenti e reali loro esigenze.

In un Mondo come quello di oggi che viaggia alla “velocità della luce” e dove lo sviluppo tecnologico e sempre più dirompente, lo SMARTPHONE (MOBILE) è diventato una concreta estensione dell’identità della persona, i SOCIAL MEDIA lo specchio molto fedele delle quotidiane abitudini delle persone e l’INTELLIGENZA ARTIFICIALE, seppur spesso non percepita in modo immediato, è entrata a far parte della quotidianità attraverso le innumerevoli applicazioni che ne fanno uso.

In un simile contesto di mercato, che ribadisco, è veramente uguale per tutti i Brand e Imprese (dalle microimprese locali, alle grandi multinazionali) di ogni settore, l’attività di marketing e comunicazione deve necessariamente rispondere a questi cambiamenti in tempi rapidi e con passi decisi, se non vuole rimanere fuori dal contesto competitivo e dal mercato d’interesse.

Per rispondere adeguatamente ed in modo pertinente al mercato e, di conseguenza, ad una concorrenza sempre più agguerrita, il Brand deve pensare seriamente ad una CONVERGENZA DIGITALE che coinvolga strumenti, contenuti e canali di comunicazione.

Il saper comprendere ed interpretare, oggi più che mai, i dati che provengono dal Mobile, dai Social Media e dall’Intelligenza Artificiale applicata al marketing e alla comunicazione, significa arrivare ad avere una visione chiara e precisa delle abitudini dei propri contatti (clienti, potenziali) e di conseguenza, aspetto questo che definirei “vitale”, capire come comunicare con loro in modo efficace e con minori costi.

Lo sviluppo di strategie di marketing e comunicazione basate sull’interazione tra Mobile, Social e Intelligenza Artificiale non solo rappresentano un percorso obbligato per il Brand ma attenzione (!!!), ma stanno riscrivendo le regole del marketing stesso e, visti i presupposti, continueranno a farlo per lungo tempo ancora.

Se pensiamo a quanto sia fondamentale il rapporto tra piattaforme social come Facebook, YouTube, Instagram e Twitter (io aggiungerei anche Linkedin per non parlare dei marketplace) e i dispositivi Mobile, riusciremo a comprendere molto meglio l’importanza dell’uso dell’Intelligenza Artificiale (ChatBot, Assistenti Virtuali) applicata al marketing, la quale, ovviamente, trova terreno fertilissimo negli smartphone e nei social media, in quanto, per sue specifiche caratteristiche, è perfettamente in linea con le esigenze di velocità e semplicità d’interazione che gli utenti pretendono.

Ogni Brand deve pianificare adeguate strategie di “Convergent Marketing” dove i tre mondi principali Mobile, Social e Intelligenza Artificiale possano comunicare tra loro, integrandosi e contaminandosi in un flusso sempre continuo di dati e informazioni, arrivando così a sprigionare il loro vero e grandissimo potenziale commerciale, e non solo.

Il Convergent Marketing non è “roba” solo per medio-grandi brand ma, al contrario, grazie alla più innovativa tecnologia 100% mobile friendly oggi presente sul mercato, e della quale BuOn Impresa ne è partner commerciale ed operativo, è veramente alla portata di tutti.

BuOn Impresa opera sul mercato con un metodo operativo ben pianificato, chiaro e molto efficace anche per le piccole realtà commerciali ed industriali in ambito locale e regionale.

Un metodo che ovviamente, può essere sviluppato ed adattato per ogni esigenza del Brand e, soprattutto, in grado di rispondere perfettamente alle nuove regole del marketing arrivando per questo a: 1) aumentare la competizione 2) migliorare il servizio 3) ottimizzare i costi 4) aumentare il valore commerciale del brand 5) conoscere il modo efficace il proprio pubblico

 

Ferdinando Vighi
Direzione Bu.On. Impresa
direzione@buonimpresa.com

L'articolo Mobile, Social e Intelligenza Artificiale. Le nuove regole del marketing proviene da BuOn Impresa.

]]>
Convergent Marketing. Offrire al prospect e al cliente esperienze uniche, superando il concetto di campagna. https://buonimpresa.com/convergent-marketing/ Tue, 12 Feb 2019 13:55:41 +0000 https://buonimpresa.com/?p=255 Nel 2004, accertato che le tradizionali tecniche di marketing e comunicazione non erano più efficaci perché il consumatore, e le persone in genere, si erano trasformati da soggetti passivi a soggetti attivi, nonché protagonisti indiscussi delle proprie scelte, Brian Halligan e Dharmesh Shah crearono una nuova modalità d’interazione con il pubblico, con i consumatori: L’INBOUND […]

L'articolo Convergent Marketing. Offrire al prospect e al cliente esperienze uniche, superando il concetto di campagna. proviene da BuOn Impresa.

]]>

Nel 2004, accertato che le tradizionali tecniche di marketing e comunicazione non erano più efficaci perché il consumatore, e le persone in genere, si erano trasformati da soggetti passivi a soggetti attivi, nonché protagonisti indiscussi delle proprie scelte, Brian Halligan e Dharmesh Shah crearono una nuova modalità d’interazione con il pubblico, con i consumatori: L’INBOUND MARKETING.

L’Inbound Marketing significa, in breve, NON interrompere la quotidianità del consumatore con le vecchie metodologie (spazi pubblicitari, banner, email marketing ecc.) di comunicazione ma, al contrario, conquistarlo attraverso contenuti di qualità e, soprattutto, UTILI ed interessanti per lui.

Oggi però, vista la velocità con la quale accadono le cose nel Mondo e soprattutto, visto lo sviluppo importante che la tecnologia ha avuto e che sta avendo ogni giorno, è impensabile che tutto rimanga come prima a lungo fatto; sta, ad esempio, che oggi questi continui cambiamenti tecnologici (ma non solo) stanno influenzando sempre più il nostro modo d’interagire con tutto ciò che ci circonda.

Il MOBILE, smartphone in testa, è a tutti gli effetti una sorta di “estensione” della nostra identità, i SOCIAL MEDIA possiamo dire che presentano realmente le nostre abitudini quotidiane e, infine, ultimo ma molto importante per l’immediato (attuale) futuro, l’INTELLIGENZA ARTIFICIALE che seppur spesso non ce ne accorgiamo, sta entrando sempre più nella nostra quotidianità grazie alle innumerevoli applicazioni che l’hanno introdotta a pieno regime.

Tornando quindi all’inbound marketing, che non dimentichiamo fu creato storicamente per un “mondo desktop”, oggi pur continuando ad essere efficace necessita sempre più di un aggiornamento per rimanere al passo coi tempi e, soprattutto, con le esigenze sempre più impellenti e presenti di un pubblico alla ricerca di emozioni e coinvolgimento.

La fruizione dei Social Media, nonché la navigazione su Internet, avvengono oggi da MOBILE (3,908 mld di persone navigano su Internet nel Mondo così come ben 3,179 mld accedono ai Social Media) dove, tramite questi due fondamentali “punti di contatto” (Touch Points), le persone chiedono ai brand informazioni utili al loro scopo ma, soprattutto, lo fanno sempre più spesso rivolgendosi agli ASSISTENTI VIRTUALI potenziati dall’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

MOBILE, SOCIAL e INTELLIGENZA ARTIFICIALE hanno singolarmente un potente e forte impatto per le attività di marketing e comunicazione dei brand in genere. Ora però, senza dubbio, è arrivato il momento di integrare tra loro questi tre mondi, facendoli contaminare a vicenda tramite un continuo flusso di dati e informazioni che li porteranno a mostrare tutta la loro enorme forza comunicativa e di marketing.

Oggi l’innovazione tecnologica ci porta necessariamente ad un nuovo concetto d’interazione tra brand e pubblico d’interesse. Un concetto che coinvolgendo STRUMENTI, CONTENUTI e CANALI DI COMUNICAZIONE si chiama: CONVERGENT MARKETING.

Oggi, adottare una strategia in grado d’interpretare i dati che arrivano dall’interazione Mobile > Social > Intelligenza Artificiale, significa arrivare ad avere una visione chiara dei gusti e dei comportamenti del proprio pubblico di riferimento e, di conseguenza, arrivare con il MESSAGGIO GIUSTO, alla GIUSTA PERSONA e al MOMENTO GIUSTO. Tutto questo significa essere efficaci e ottimizzare i propri investimenti.

Il Brand deve quindi andare oltre al concetto di “campagna”, pensando al Mobile come strategica “cassa di risonanza” in grado di amplificare la diffusione delle informazioni che arrivano da Internet e dai Social Network.

L’importanza del rapporto tra Mobile e social network come Facebook, Instagram, YouTube e Twitter (senza nominarne tanti altri ancora), ci porta a capire quanto l’utilizzo dell’INTELLIGENZA ARTIFICIALE (ChatBot, Assistenti Virtuali) nel marketing sia perfettamente in linea con le esigenze a le aspettative di un pubblico (B2B – B2C) sempre più interconnesso e desideroso di contenuti utili e veloci da fruire.

Questo non è uno scenario futuro!

Questo è lo scenario attuale del mercato destinato a crescere a ritmi sempre maggiori e, per questo, la vera priorità per i brand e i “marketers” è prendere atto di questo cambiamento imminente adottando le adeguate strategie di marketing e comunicazione.

Il Brand BU.ON. IMPRESA è “start up partner” ufficiale del più innovativo metodo di “convergent marketing” supportato dalla più innovativa tecnologia integrata 100% mobile friendly oggi presente sul mercato. Una partnership che ci permette di garantire ad ogni Brand lo studio ed il supporto professionale di una corretta strategia di “convergent marketing” (Mobile, Social, Intelligenza Artificiale) applicata al marketing e alla comunicazione.

 

Ferdinando Vighi
Bu.On. Impresa
direzione@buonimpresa.com

L'articolo Convergent Marketing. Offrire al prospect e al cliente esperienze uniche, superando il concetto di campagna. proviene da BuOn Impresa.

]]>
TURISMO: la convergenza digitale mobile, social, chatbot https://buonimpresa.com/turismo-mobile-social-chatbot/ Tue, 29 Jan 2019 14:45:34 +0000 https://buonimpresa.com/?p=240 Contenuto, conversazione, connessione, comunità di persone (community) hanno creato, oggi, il nuovo paradigma della comunicazione e del marketing d’impresa “multicanale” ancor più visibile e tangibile, in un settore, come il turismo, dove l’utenza è già di per sé digitale e digitalizzata.   Oggi più che mai, la strategia di marketing digitale nel turismo (non solo, anche […]

L'articolo TURISMO: la convergenza digitale mobile, social, chatbot proviene da BuOn Impresa.

]]>
convergenza digitale,mobile,social,chatbot

Contenuto, conversazione, connessione, comunità di persone (community) hanno creato, oggi, il nuovo paradigma della comunicazione e del marketing d’impresa “multicanale” ancor più visibile e tangibile, in un settore, come il turismo, dove l’utenza è già di per sé digitale e digitalizzata.

 

Oggi più che mai, la strategia di marketing digitale nel turismo (non solo, anche molti altri settori B2B e B2C) deve essere multicanale ma, soprattutto, deve far convergere su un unico obiettivo (valorizzazione commerciale e di brand) il SOCIAL, il MOBILE e L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE.

 

Il SOCIAL (MEDIA) crea ed alimenta le conversazioni “brand turistico > utente” grazie a contenuti coinvolgenti ed interattivi;

il MOBILE permette al brand turistico di raggiungere l’utente di riferimento (pubblico a target) in ogni momento è in modo diretto, grazie a comunicazioni e contenuti efficaci;

infine, l’INTELLIGENZA ARTIFICIALE è in grado di fornire metriche fondamentali per capire gusti, comportamenti e reali intenzioni di acquisto del pubblico di riferimento.

 

La settima edizione dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo (School of Management Politecnico di Milano) ha evidenziato come il Mercato dei Viaggi in Italia (+2% raggiungendo i 58,3 miliardi di euro) sia cresciuto grazie alla componente digitale, il quale, arrivando al valore di 14,2 miliardi di euro, ha fatto registrare l’aumento maggiore (+8%) rispetto alla componente tradizionale (+1%).

 

Ora alcuni “passaggi” importanti di questa ricerca, sui cui riflettere in modo deciso:

1. “…i canali di vendita da mobile rappresentano il 18% delle transazioni digitali (erano appena il 3% solo 4 anni fa, nel 2014) facendo registrare una crescita del 46% rispetto al 2017. Lo smartphone è utilizzato dalla grande maggioranza dei turisti soprattutto per la ricerca di informazioni (83% del campione per vacanze “brevi” – fino a 3 notti – e 89% nelle “lunghe”), ma anche per il pagamento (17% e 20% rispettivamente per vacanza breve e lunga).”

 

2. “E’ ormai evidente come il turista ‘non digitale’ sia in via di estinzione. Solo il 2% degli italiani tra i 18 e i 75 anni non ha usato internet per nessuna attività relativa alla sua ultima vacanza. Ciò non significa che la relazione umana non rimanga elemento fondamentale in tutte le fasi del journey”

 

3. “Il mobile si conferma molto rilevante nel mercato delle activities: tra chi ha prenotato o acquistato attività online (55%) il 66% ha scelto di farlo da smartphone, il sito mobile risulta inoltre più utilizzato rispetto all’app. Il mobile gioca un ruolo rilevante anche nel business travel, che conta circa il 15% del mercato del digitale in Italia. Anche le recensioni e la condivisione sui social avvengono soprattutto su mobile.”

 

4.” I chatbot si stanno affermando come un altro strumento fondamentale per entrare in relazione con il turista e offrirgli servizi a valore aggiunto. La ricerca dimostra che già il 10% dei turisti ha utilizzato una chat su un sito durante la sua ultima vacanza, soprattutto per chiedere informazioni (40%). Ma i chatbot non esauriscono il loro valore nel supportare la relazione con il consumatore finale. Si rivelano infatti strumenti efficaci anche in ambito B2b, ad esempio nella relazione tra tour operator e agenzie”

 

Rispondere a questa che viene correttamente definita dalla ricerca come, la “Human & Digital Relationship”, è oggi per ogni Brand Turistico (Tour Operator, Agenzia Viaggi, Struttura Ricettiva, Trasporti, Promozione del Territorio, Eventi ecc.) assolutamente strategico e fondamentale per lo sviluppo del proprio business e per la valorizzazione del proprio brand.

 

La risposta corretta è: CONVERGENZA DIGITALE > Mobile > Social > Intelligenza Artificiale.

 

Bu.On. Impresa è pronta a supportare il Brand Turistico con servizi forniti attraverso la più innovativa e moderna tecnologia 100% mobile friendly oggi presente sul mercato.

 

Una tecnologia che permette, al suo interno, di sviluppare Chatbot supportati da evoluti strumenti di Predictive Content, è in grado di sfruttare avanzati sistemi di Intelligenza Artificiale che prevedono ed interpretano gusti, comportamenti e intenzioni di acquisto del turista.

 

Ma non è finita qui.

Il Customer Data interno, strutturato con un articolato sistema di analisi (tracking, lead scoring, profiling), permette di formulare attendibili previsioni utili alla gestione e sviluppo di precise strategie di mercato per il Brand Turistico.

L'articolo TURISMO: la convergenza digitale mobile, social, chatbot proviene da BuOn Impresa.

]]>